L’importanza della cura

Concentrarsi sulla nostra percezione del problema del cambiamento climatico e su ciò che facciamo nella pratica

Tante informazioni, ma poca sensibilizzazione

Quasi ogni giorno, ci sono giornali, notizie in televisione, o sui nostri telefoni in cui ci imbattiamo che parlano della necessitàà di un cambiamento per quanto riguarda il nostro rapporto con la natura.

Cercano anche di mettere in guardia la gente sui possibili tragici eventi futuri che tra qualche decennio, probabilmente, potrebbero colpire il nostro pianeta, e anche le nostre vite. Il fatto è che molte volte queste notizie entrano solo nelle nostre teste e se ne vanno molto velocemente, senza alcun impatto reale nella vita delle persone.

L’Eurobarometro 2009 sul cambiamento climatico

Torniamo ad un Eurobarometro pubblicato nel 2009, e facciamo alcune considerazioni:

Nel 2009, il fatto triste, è che, probabilmente, la gente non si preoccupava veramente del cambiamento climatico. Non pensava davvero che il nostro futuro non sarebbe stato sicuro in quelle condizioni, che i nostri nipoti e figli rischiavano di avere un futuro fragile che gli scivolava tra le dita.

In Europa, appena il 50% delle persone considerava il cambiamento climatico il problema più importante del nostro pianeta. La Svezia era la nazione in cui il problema era più considerato (82%), in Turchia il punteggio era solo del 32%.

Ma il vero problema non era strettamente questo, perché altri paesi semplicemente consideravano altri due argomenti (problemi economici e povertà) più importanti, ma lo consideravano ancora; infatti, il 67% dei cittadini dell’UE riteneva il cambiamento climatico un argomento molto serio. Il vero problema è che c’era un’importante diminuzione delle preoccupazioni sul cambiamento climatico in tutti i paesi tranne la Svezia.

Un altro punto critico era che la maggior parte dei cittadini dell’UE, si considerava veramente preparata sulle cause e le conseguenze del cambiamento climatico, con un punteggio medio tra il 52% e il 56%. Ma questo era reale nella pratica?

La situazione è cambiata?

Tornando ai giorni nostri, nel 2021, quindi 12 anni dopo, passati molti eventi tragici, e anche con l’aiuto di molti attivisti, la situazione è cambiata:

“Un nuovo sondaggio dell’Eurobarometro pubblicato oggi mostra che i cittadini europei credono che il cambiamento climatico sia il singolo problema più grave che il mondo deve affrontare. Più di nove persone su dieci intervistate considerano il cambiamento climatico un problema serio (93%), e quasi otto su dieci (78%) lo considerano molto serio. Quando è stato chiesto di scegliere il singolo problema più grave che il mondo deve affrontare, più di un quarto (29%) ha scelto o il cambiamento climatico (18%), il deterioramento della natura (7%) o i problemi di salute dovuti all’inquinamento (4%)”.

È ora di trasformare la teoria in pratica

Questi numeri e questionari ci danno un’immagine dell’Europa sia positiva che negativa. La gente sa e apparentemente si preoccupa del cambiamento climatico, questa è una prospettiva che scalda il cuore. La cosa triste è che forse non sappiamo e non ci interessa come dovremmo.

Non lo facciamo, perché se lo facessimo, allora forse i consumatori diminuirebbero più velocemente, e anche il potere della fast fashion, l’inutile perdita di acqua corrente ogni giorno.

Ci sarebbe più attenzione su ciò che compriamo, su come viviamo ogni giorno e sentiremmo più seriamente le preziose parole degli attivisti di tutto il mondo. Sappiamo tutti che c’è un problema, che dobbiamo trovare tutti insieme la forza in noi stessi per fare piccoli passi ogni giorno. Trasformiamo la teoria in pratica per un futuro migliore.

Altri articoli